Terza lezione di acustica: Assorbimento acustico

Assorbimento acustico- terza lezione di acustica

Il fonoassorbimento è la capacità di un materiale di assorbire l’energia sonora. In un ambiente chiuso, quando un’onda acustica colpisce una superficie perimetrale, una parte dell’energia sonora è assorbita e una parte riflessa. Il rapporto tra energia assorbita ed energia riflessa definisce il coefficiente di assorbimento.

I coefficienti di assorbimento di un materiale sono determinati in camera riverberante con procedura definita dalla norma EN ISO 354. Questo valore può essere utilizzato per indicare i requisiti progettuali di massima nella progettazione acustica di un ambiente.

I pannelli fonoassorbenti Caruso Acoustic sfruttano il principio dell’assorbimento acustico per porosità, basato sul fenomeno della viscosità del materiale fonoassorbente. Grazie alla loro struttura interna in resina melaminica Basotect® di Basf® o Whisper® di Stratocel®, la dissipazione dell’energia sonora avviene per trasformazione dell’onda sonora in calore dovuta all’attrito delle micro cavità che caratterizzano questi materiali porosi e fibrosi.

Una corretta progettazione dei locali deve necessariamente rivolgere l’attenzione ai materiali di finitura, i quali devono assicurare un adeguato assorbimento acustico in relazione all’attività di destinazione. Qualora non si voglia o possa rinunciare a materiali privi di significativi valori di assorbimento acustico, i pannelli fonoassorbenti Caruso Acustic sono la soluzione ideale per azioni correttive anche successive alla fase di progettazione e sono quindi adatti a correggere eventuali problemi acustici anche in un secondo momento per assicurare ambienti acusticamente confortevoli.